Archivio Autore

Roma, 16 nov. (TMNews) Benetton ritira la nuova campagna pubblicitaria shock con il fotomontaggio di un bacio tra Papa Benedetto XVI e un Imam egiziano. Lo ha annunciato un comunicato dello stesso gruppo veneto dicendosi “dispiaciuto che l’utilizzazione dell’immagine abbia urtato la sensibilità dei fedeli”. “Ricordiamo che il senso di questa campagna pubblicitaria è esclusivamente di combattere la cultura dell’odio sotto tutte le forme”, si legge in una nota. Dopo la comparsa in una strada di Roma di un cartellone pubblicitario con l’immagine sotto accusa, il portavoce del Vaticano, padre Federico Lombardi aveva espresso “una decisa protesta per un uso del tutto inaccettabile dell’immagine del Santo Padre, manipolata e strumentalizzata nel quadro di una campagna pubblicitaria con finalità commerciale”.

Google lancia servizio di vendita musica on line, sfida a Apple Firmati accordi con Universal, EMI e Sony Music Los Angeles, 17 nov. (TMNews) – Google lancia la sfida alla Apple e ad Amazon nel mercato della musica digitale. Il colosso statunitense di Mountain View ha annunciato il nuovo servizio di vendita on line di brani musicali. “Siamo orgogliosi di annunciare che da oggi tutti gli internauti potranno acquistare milioni di canzoni” attraverso la piattaforma di applicazioni del gruppo, Android Market, ha detto il direttore dei prodotti di Google, Paul Joyce, durante una presentazione alla stampa a Los Angeles.

Ecco una breve e semplice funzione per verificare se una data variabile esiste o meno. La sua implementazione è suggerita nelle verifiche dei form attraverso chiamate asincrone con AjAX….. function isset_or(&$check, $alternate = NULL) { return (isset($check)) ? $check : $alternate; } $miaVariabile = isset_or($_POST['VAR_DA_FORM'], 0); In questo caso se abbiamo passato ‘VAR_DA_FORM’ attraverso un modulo ne recuperiamo il valore, altrimenti ne impostiamo il default a 0.

MS-DOS, il papá di Windows compie 30 anni! Ebbene si, il tempo passa per tutti, anche per un sistema operativo che, oggi, in molti non conoscono o hanno addirittura dimenticato. È il 27 luglio 1981 quando la Microsoft, giovane azienda statunitense, acquista per la somma di 75000$, i diritti di QDOS dalla Seattle Computer Products. Probabilmente questa acquisizione è stata il passo più importante compiuto da MS verso il lancio di Windows… Il sistema operativo DOS nel corso degli anni è stato ampliato e migliorato, fino al 14 settembre 2000, data di pubbkicazione della sua ultima release, la 8.

Che cosa bisogna fare per essere cacciati da un negozio? Portare animali all’interno? consumare cibi e bevande? ma in un Apple Store valgono le stesse regole? Quante volte abbiamo visto persone adottare comportamenti a dir poco ambigui all’interno dei negozi della grande mela? Giovani intenti a regustrare e pubblicare video per youtube, proprietari di cani mostrare i gioiellini di casa Apple ai propri animali, bambini giocare e correre tra le corsie… Insomma la tolleranza in questi centri è di sicuro molto più elevata rispetto alla media. Normalmente in un negozio normale c

Da downloadblog.it: Jane, un nome fittizio, è una nonna di settant’anni che è stata denunciata per il download illegale di video porno da BitTorrent. L’anziana donna è in pensione e si dedica, oltre ai nipoti, al volontariato: non aveva mai neppure sentito nominare BitTorrent, prima d’essere citata in giudizio. Alcuni precedenti potrebbero scagionarla. La signora è stata intervistata dal San Francisco Chronicle: l’ipotesi più accreditata, nella circostanza, riguarda la possibilità che qualcuno abbia sfruttato il WiFi di Jane per accedere a internet e scaricare illegalmente dei video porno.

Dopo essersi rifatto il look, aver aggiornato il funzionamento di numerosi servizi offerti, dopo aver lanciato Google + (di cui tanto si parla ma della cui utilitá nutro ancora dubbi) la grande G pubblica l’ennesima novitá! Si chiama “What do you love”, http://www.wdyl.com/, a prima vista appare come una normale pagina di ricerca, ancora più minimal, ma in realtá cela un potentissimo strumento di marketing!! Infatti i risultati della ricerca vengono mostrati in riquadri tematici… Ogni riquadro corrisponde a un servizio specifico offerto da Google! Semplice no? Se da

Da ilsoftware.it di oggi: La Regione Puglia guarda al mondo del software libero. E’ stato infatti presentato un disegno di legge che punta sull’adozione di hardware e software all’interno della pubblica amministrazione che impieghi esclusivamente tecnologie “aperte”. Il progetto, battezzato “Norme su software libero, accessibilità di dati e documenti ed hardware documentato” è stato illustrato dal presidente della regione Nichi Vendola insieme con l’assessore alla Comunicazione istituzionale, Nicola Fratoianni. Secondo le stime rese note, la svolta verso il software libero varrebbe circa un milione di euro all’anno che si tramuterebbe in un risparmio per le tasche dei cittadini pugliesi.

Da Wired: Prizes, dove vieni pagato per una buona idea Google ha lanciato il suo nuovo sito di problem solving: si mettono in palio ricompense per le soluzioni più fantasiose. Quanto sareste disposti a pagare per avere delle dritte sul nuovo nome della vostra band? E per sapere quale è il locale più cool di Londra? Ma soprattutto, avete abbastanza fantasia per rispondere alle domande degli altri utenti e accumulare un bel gruzzolo di bigliettoni? Bene, se siete in cerca di un’ idea o avete voglia di dare buoni consigli, c’è un nuovo indirizzo su cui cliccare: prizes.org. Il nuovo portale di problem solving è stato lanciato in sordina da Google la scorsa settimana.

La scorsa settimana il Wall Street Journal annunciò che Apple si trova attualmente in una fase di sperimentazione di “un nuovo metodo di ricarica” ​​, che rendrà disponibile per iPad e tutti i suoi dispositivi già a partire dal 2012. Il primo pensiero è andato immediatamente a una sorta di meccanismo di ricarica wireless che ci libererà dai fastidiosi fili. Naturalmente, la ricarica senza fili non è una nuova tecnologia anche se le implementazioni attuali sono state un po‘ limitate. Prendiamo per esempio la base di ricarica a induzione del Palm Pre, in grado di caricare i propri dispositivi, quando posati su di essa.