Games

Ci voleva proprio. Assassin’s Creed, una delle serie più influenti degli ultimi anni, era arrivata a Revelations con il fiatone. Si aprivano due scenari: ammuffire un gioco dopo l’altro, o reinventarsi sbaragliando le previsioni. Ubisoft ha scelto la seconda strada per Assassin’s Creed III, prendendosi anche dei bei rischi – il cambio di epoca e di continente sarà uno shock per molti fan, affezionati alle meraviglie del Medio Oriente e del Rinascimento. Ubisoft non ha preso la sfida alla leggera: sta investendo nella sua nuova opera tempo, energie e soldi come mai aveva fatto prima.

Da ieri è possibile giocare con la nuova versione degli “uccellini arrabbiati”, videogioco che è diventato già cult sui vari dispositivi tablet. “Angry Birds Space “, come riferisce il Guardian, è disponibile per sistemi iOS, Android, PC e Mac. Il terzo capitolo della saga, in sviluppo da oltre un anno, riserva molte novità, a partire dall’ambientazione: addio foreste tropicali, campi innevati e città al crepuscolo, benvenuto spazio sconosciuto. Gli uccellini affronteranno i temibili maiali in orbita a gravità zero, con conseguente rivoluzione delle regole di gioco e delle strategie su cui si basavano i capitoli precedenti.

È tempo di cambiare. Il titolone di Bethesda, The Elder Scrolls 5: Skyrim perde la vetta e scende di una posizione. A nulla è valsa la festa orchesca dell’11 novembre scorso e Final Fantasy XIII-2 alla fine l’ha spuntata. Diciamocelo, il titolo è già una mezza ammissione della mediocrità del prequel ma il nuovo gioco di ruolo di Yoshinoro Kitase ha una trama corposa e abbandona la linearità a favore di un mondo più aperto ed esplorabile. Tecnicamente poi è uno spettacolo per occhi e orecchi e se il primo posto per te è immeritato puoi sempre farlo scendere con il tuo voto.

Meglio cominciare a risparmiare qualche euro, perché dopo un 2011 ricco di videogame pazzeschi, i prossimi dodici mesi promettono di continuare a offrire uscite di altissimo livello. Estrapolare i 10 titoli più interessanti è stata infatti una piccola impresa: alcuni non potevano mancare, ma altri hanno lottato duramente per sconfiggere la concorrenza. Prima di cominciare, dunque, onore al merito di chi è rimasto fuori: The Last of Us, Tomb Raider, Syndicate, Final Fantasy XIII-2, Resident Evil: Operation Raccoon City, Metal Gear Rising: Revengeance, Darksiders II, Asura’s Wrath, Dragon’s Dogma.

Se non conoscete Angry Birds, vi state perdendo una storia di eccellenza a metà tra mondo mobile e reame del branded entertainment. Si tratta, semplicemente, di uno dei videogiochi mobile più diffusi ed addicting di sempre. Ne parliamo perché il suo sviluppo commerciale si sta facendo ogni giorno più interessante ed è probabile che diventerà un case study di cui sentiremo spesso parlare. La storia Tutto iniziò nel 2003, quando 3 studenti della Helsinki University of Technology – Niklas Hed, Jarno Väkeväinen e Kim Dikert – partecipano ad un concorso di programmazione di videogiochi mobile sponsorizzato da Nokia ed HP.

Questa, ammettilo, non l’avevi mai pensata: usare l’iPad per tenervi in forma. Non è una novità assoluta, il connubio tra esercizio fisico e schermi digitali, basti pensare il successo avuto dalla Balance Board della Wii. L’iPad è stato inteso come computer, come riproduttore video, come strumento musicale (addirittura impugnato come violino). Ora, è vero che l’iPad non è leggerissimo, ma non sognarti di usarlo come peso: il suo utilizzo come strumento per l’esercizio fisico è molto più semplice, come dimostra Fitness Class. La sezione salute e benessere dell’ App Store è bella affollata e questo Fitness Class rappresenta bene la categoria: si tratta per lo più di applicazioni che raccolgono video tutorial che accompagnano negli esercizi, siano essi di fitness in senso stretto –che di altre attività, dallo yoga a tecniche di rilassamento o per perdere peso.

Quasi 246 milioni di euro per un incremento, in termini percentuali, dell’11,3% in rispetto al precedente mese di agosto. Numeri da capogiro che continuano ad evidenziare un mercato che non conosce crisi. Si tratta del mercato del Poker online che nel solo mese di settembre ha nuovamente ’sbancato’ le aspettative. Non solo, secondo quanto evidenziato dall’Agenzia giornalistica concorsi e scommesse (Agicos), il dato diventa ancora più interessante se come indicatore si prendono i dati raccolti nello stesso periodo dell’anno passato. A settembre 2010, infatti, i giocatori del tavolo verde online, hanno superato i 37 milioni di unità con un incremento del 18% del settembre 2009.

In occasione del 25esimo compleanno dell’idraulico videoludico più famoso della storia, vi segnaliamo parte dell’articolo dedicatogli da Mauro Vecchio e il video di auguri pubblicato su Youtube. Era il 13 settembre dell’anno videoludico 1985. Un simpatico idraulico dai grandi baffi neri faceva la sua prima apparizione da protagonista tra i labirinti elettronici di Nintendo Entertainment System. Il suo nome era Super Mario. E il suo subito inconfondibile abbigliamento non era poi tanto estraneo a tutti quei gamer già impegnati con i vari livelli di Donkey Kong. Mario aveva in realtà già fatto la sua primissima comparsa nel colorato mondo dei videogame, un idraulico di origini italiane capace di saltare oltre ogni limite umano.

Trivial Pursuit, uno dei piu’ fortunati giochi di societa’, e Hasbro sbarcano su YouTube con ‘You vs. YouTube’. Si tratta della versione digitale del classico board game e si gioca a squadre: da una parte le persone normali, dall’altra le personalità di Youtube. All’inizio di ogni gara, per guadagnare le prime fiches, verranno poste tre domande ai giocatori. Componente aggiuntiva è la possibilità di scommettere sulla conoscenza altrui: con ogni risposta ci si aggiudica un numero di fiches che si potranno scommettere sulla risposta esatta o sbagliata dell’avversario.

The Walt Disney Company, leader assoluta del mercato dell’intrattenimento infantile e oggi una delle più grandi aziende al mondo nel campo dei media e dello spettacolo, si sta muovendo dopo aver già ampiamente dimostrato il suo interessamento al settore dei giochi interattivi, ritenuti uno dei business più promettenti del prossimo futuro. Il primo passo è stato quello di aprirsi al mondo dei videogiochi attraverso la creazione delle divisione “Disney Interactive”. Il secondo è stata l’acquisizione, annunciata oggi, per un valore di 563.2 milioni di dollari, Playdom Inc., una delle compagnie più importanti per quel che riguarda la scena dei giochi online attraverso i social network.