Archivio di dicembre 2011

“Completo e totale fallimento quando l’obiettivo sembrava ragionevolmente facile da ottenere”, questa la definizione precisa data dall’autorevole Urban Dictionary. Si può fallire in molti modi, commettere errore (anche distruttivi), ma l’epic fail ha una connotazione diversa: si fallisce in maniera clamorosa di solito nell’ambito in cui sulla carta si è più bravi o dopo aver annunciato trionfalmente qualcosa. In ambito tecnologico è fin troppo facile e in Rete ancora di più: qualcuno noterà di sicuro il vostro fail e non mancherà di farlo notare a tutti, aggiungendo al danno, la figuraccia e ovviamente la beffa.

Schermo touch, sensori di movimento, Retina display. E poi Angry Birds, Facebook, Instagram… Perdere tempo sull’iPhone sembra una cosa da nativi digitali, per chi non ha tempo di guardarsi indietro neanche quando gioca o cazzeggia. Eppure l’App Store della Mela è talmente vasto da lasciare spazio anche agli appassionati di anni ‘80, ‘90 e dintorni con una libreria sorprendentemente fornita di giochi da nostalgia. Eccone 10 tra i migliori, anche se la scelta è veramente troppa. Voi cosa avreste messo? Monkey Island 2 Special Edition: LeChuck’s Revenge La saga di Guybrush Threepwood è nei cuori di tutti gli appassionati, e vive nel secondo episodio i suoi momenti più riusciti.

Dalla prima fotografia mai scattata nel 1826 alla prima foto del nostro pianeta, dal Vietnam alla caduta del muro di Berlino passando per Woodstock. Ecco le foto epiche scelte dagli utenti di Quora. Qual è la tua preferita e quale aggiungereste alla lista? Tratto da qui F-18A Un jet immortalato mentre rompe la barriera del suono, questi caccia possono raggiungere velocità superiori ai 1.600 km/h (Credits: Nasa) Piazza Tienanmen 5 giugno 1989. Un abitante di Pechino arresta i carri armati scesi in piazza per fermare le proteste scoppiate in Cina il giorno del funerale di Hu Yaobang (Credits: Jeff Widner) La presa di Berlino Le truppe sovietiche innalzano la bandiera rossa con la falce e il martello sopra il Reichstag a Berlino nel maggio 1945 (Credits: Wikipedia) Un bombardamento con il napalm Dei bambini terrorizzati fuggono dalle fiamme scatenate da una bomba carica di napalm in Vietnam.

Più che un libro, è un manuale di sopravvivenza. Si perché negli ultimi anni sono venute fuori tante di quelle balle che distinguerle dalla realtà è quasi impossibile. Il giornalista  Severino Colombo,  nel libro  101 stronzate a cui abbiamo creduto tutti ne raccoglie un bel po’: dagli alieni in Messico al collasso di Facebook, dalle bufale su Berlusconi ai viaggi nel futuro e nel passato. L’autore raccoglie molte bugie, credenze popolari e leggende metropolitane che negli anni si sono talmente radicate da sembrare vere. Molto spesso si tratta di azioni di vero e proprio marketing, ma anche di occasioni per prendersi un po’ in giro e credere a qualcosa di impossibile.

Per tutti i cambiamenti che interessano i media in questi giorni, il prodotto essenziale dei mezzi di comunicazione resta il contenuto, il che non sembra molto diverso; ma i consumatori ora utilizzano i contenuti multimediali in un contesto completamente diverso integrandoli con spunti nuovi. Cosa è cambiato riguardo i media? Probabilmente gli spunti che circondano il contenuto. I vecchi media sono solo veicoli pubblicitari, puri e semplici. Gli spunti erano tutti di natura commerciale, improntati alla pubblicità, tutto era diretto al consumatore in quanto lettore di quel contenuto ingioiellato che è sempre e inesorabilmente, pubblicità! Ma le cose adesso sono cambiate; i nuovi media sono cambiate; i nuovi media sono veicoli di impegno sociale.

La migliore applicazione green del mondo: così viene definito il “Dizionario dei rifiuti”. Un’e-startup potenziale di cui parlano tutti. Nel giro di davvero pochissimo tempo, si tratta di progressi settimanali, Francesco Cucari, 18 anni, liceale lucano ci sta dimostrando come sia davvero possibile risolvere i problemi comuni con il supporto tecnologico. Ma di cosa stiamo parlando? Dell’idea nata per risolvere il problema dell’educazione all’ambiente a sostegno della raccolta di rifiuti urbani. Francesco ha infatti deciso di realizzare un’applicazione per smartphone Android per la raccolta differenziata, che tra l’altro pochi giorni fa è stata completamente rinnovata.

Si fa un gran parlare, da qualche tempo, del fatto che le app musicalisostituiranno presto i defunti album musicali. Si tratta spesso di chiacchiere, perché gli album sono ancora vivi e in realtà solo Bjork ha fatto un vero e proprio album-applicazione. Molte delle applicazioni ufficiali degli artisti che si trovano in giro, spesso, sono semplici specchietti per le allodole, prive di contenuti reali ed eslcusivi, prive di attrattiva anche per i fan. Però, ogni tanto, salta fuori qualche app musicale di artisti che vale la pena. Negli ultimi tempi ben due. La prima, e la più gustosa, è The Jimi Hendrix Experience , sviluppata direttamente da  Sony Music.

La moda delle infografiche sta raggiungendo livelli che definirei quasi fastidiosi, per qualsiasi cosa sembra si debba fare un’infografica (vero che è un mezzo immediato e d’impatto per raccogliere delle informazioni e comunicarle, ma come in tutte le cose, l’esagerazione non va mai bene). Però, di tanto in tanto, ne viene fuori qualcuna ben fatta ed utile allo stesso tempo, come questa realizzata da ROI Media, che ci regala dei preziosissimi consigli su come progettare un sito web per farlo rendere al meglio. In alto a sinistra trovate un vero e proprio assemblaggio di componenti, ognuno con il suo bel cavetto e la sua etichetta, che indica la necessità di creare una sinergia tra tutte le tessere del nostro mosaico.

Groupalia è il sito di Acquisti di Gruppo dove trovi le migliori Proposte per il tuo tempo libero con sconti fino al 90%. Ogni giorno ti proponiamo qualcosa di nuovo e imperdibile per il tuo tempo libero in cittá e per le tue vacanze, tra i quali ristoranti, benessere e bellezza, avventura, eventi, hotel… Groupalia ti permette di scoprire e vivere esperienze uniche con sconti incredibili in più di 60 cittá in tutt’Italia. Si presenta così Groupalia sul suo sito web, una delle principali realtà che premia i gruppi d’acquisto con forti riduzioni quotidiane su oggetti, accessori, viaggi e molto altro ancora.

50 personalità che nel corso del 2011 hanno influenzato l’andamento del mondo nella politica, nell’ economia, negli esteri. La classifica, una top 100, è stata pubblicata da Foreign Policy, specializzato in geopolitica. Gli avvenimenti che sono stati giudicati centrali, a vedere il numero di personalità coinvolte, sono la Primavera araba (rappresentata da una decina di attivisti e politici tra i quali abbiamo scelto il blogger Wael Ghonim per riassumerli tutti) insieme alla Libia e alla crisi economica su tutti i livelli: economisti e studiosi come come Nouriel Roubini e Joseph Stiglitz che l’avevano prevista e poi analizzata, politici che l’hanno gestita e responsabili di istituzioni che hanno avuto tra le mani le sorti dei debiti pubblici, delle valute e delle economie del mondo intero come la Bce di Jean-Claude Trichet o la Banca mondiale guidata da Robert Zoellich.