Una clessidra verde, gialla e rossa, con luci a LED al posto dei granelli di sabbia. E’ questo il semaforo uscito dalla fantasia della designer Thanva Tivawong, la cui proposta, proprio per la sua originalità, sta facendo il giro del Web. Al posto delle luci tradizionali, il Sand Glass è composto da un solo pannello sul quale appare una clessidra. Il simbolo cambia colore, passando dal verde al rosso, mostrando lo scorrere del tempo. La parte inferiore della clessidra, infatti, si riempie piano piano di sabbia, lasciando ad automobilisti, motociclisti e pedoni la possibilità di vedere quanto tempo manca al cambiamento di colore. Solo nel caso del giallo appare anche il conto alla rovescia (3-2-1); il resto è affidato alla grafica.
Non vi sembra un cambiamento essenziale? Può essere. Ma i creativi del traffico – dai semafori alla segnaletica stradale – non la pensano così. Guardate, ad esempio, il progetto di Roberto Vackflores per CRAB Diseno Industrial (www.crab.cl): un semaforo che integra pannelli solari a un sistema di webcam (www.yankodesign.com). Si sta forse avvicinando il momento di un restyling totale delle strade.

Da wired.it