E’ l’uomo che che ha rivoluzionato la musica contemporanea e solo un’altra rivoluzione poteva rendergli omaggio in modo così originale. Google celebra il settantottesimo anniversario della nascita di Robert Moog, l’inventore del sintetizzatore, con uno dei doodle più straordinari mai generati. Sulla homepage del motore di ricerca è a disposizione un sintetizzatore ultracompatto con il quale si può suonare, modificare, registrare e postare on-line il proprio brano improvvisato su una minitastiera.

Robert Moog possedeva una fabbrica di strumenti musicali e nel 1963 creò uno dei primi sintetizzatori a tastiera, dando di fatto alla luce la musica elettronica. Il suo strumento è talmente celebre che spesso ci si riferisce al sintetizzatore semplicemente come ‘Moog’, così come la Fender e la Gibson sono sinonimi di chitarra elettrica e l’Hammond di tastiera elettronica.

Innumerevoli gli artisti che hanno costruito la propria fortuna sui Moog, ma su tutti spiccano i Tangerine Dream e Walter Carlos, che in ‘Switched on Bach’ suonò le partiture del compositore interamente sul sintetizzatore. Il disco che ne fu tratto è tutt’oggi un bestseller assoluto. Moog morì nel 2005, dopo una lunga malattia.

Tratto da qui