Il termine parodia deriva dal greco: parà (simile) e odè (canto).
Con la parodia si fa un canto, una rappresentazione simile all’originale. A renderla interessante e divertente è il fatto che alcuni aspetti vengono resi in maniera caricaturale. La storia letteraria, cinematografica e musicale è piena di esempi. La Batracomiomachia (“La guerra dei topi e delle rane”) era un poemetto giocoso che parodizzava l’Iliade di Omero. Sono passati secoli, ma di questo tipo di rappresentazioni ne abbiamo ancora un gran bisogno, tanto che youtube e facebook sono pieni zeppi di parodie e di caricature di persone famose, di film o di canzoni, da Titanic ai video di Tiziano Ferro alla pubblicità del Kinder Bueno e chi più ne ha più ne metta.

Le parodie ci permettono di prendere in giro chi sta dall’altra parte, i potenti e in generale chi decide quali storie dobbiamo seguire o quali persone devono apparire. Sono assolutamente democratiche e ci fanno sentire un po’ più importanti. Chi le subisce di solito accetta di buon grado, anche perchè una parodia celebra la tua notorietà. Qualcuno le accetta meno volentieri. Mi viene in mente Cesare Maldini, che, imitato da un bravissimo Teocoli, non ha mai fatto mistero di non gradire la caricatura che questi gli ha costruito. Effettivamente una parodia finisce inevitabilmente con il sovrapporsi con l’immagine che uno ha di te, tanto che il pubblico tenderà a ricordarsi più della caricatura che ti hanno fatto che di ciò che tu realmente sei.

Ma c’è un altro punto da considerare. Realizzare parodie e caricature non è facile. Bisogna essere veramente bravi. Occorre essere grandi osservatori e soprattutto avere quel colpo di genio che ti permette di scardinare il personaggio o la situazione che stai imitando, puntando su quei particolari che lo identificano in maniera univoca.

Mentre sto scrivendo, mi vengono in mente una miriade di bravissimi parodisti, di cui mi piacerebbe poter parlare in successivi post.
Per il momento mi limito ad invitarvi a seguire una parodia di Mama Lover delle Serebro. E’ una delle tante presenti sul web, ma è anche una delle migliori.
Tra gli autori ci sono anche gli amici di Ferrafilm, che hanno nel loro DNA la tendenza a parodizzare.

parodia mama lover

gaberr