Nel mio ultimo post ho scritto che la crisi è finita perché ho visto tanti camion circolare in autostrada. A sentire l’umore generale di questi giorni, verrebbe da dire che quei camion sono pieni di soldi dei cittadini italiani che, dopo aver svuotato i propri conti correnti, stanno portando il loro denaro in Svizzera. Qualcuno (Dagospia) si spinge a dire: “Da Palazzo Chigi arrivano le soffiate: togliete i soldi dai conti correnti, l’euro non passa agosto!” La crisi sta mordendo, su questo non c’è dubbio, e penso che ognuno di noi ne abbia esperienze dirette. Ma i toni dei media sono sempre più allarmistici di quella che è la realtà. Negli anni scorsi si parlava di terrorismo, come se tutti avessimo un vicino di casa kamikaze. Si parlava di influenza aviaria, come se tutti rischiassimo di contrarla da un momento all’altro. Occorre ottimismo. In parte aveva ragione Berlusconi. La crisi non c’è perché i ristoranti sono pieni. O meglio, il ristorante X è pieno, mentre il ristorante Y è vuoto. Quindi, invece di chiederci dove andremo a finire con questa crisi, chiediamoci quali sono i motivi per cui il ristorante X è pieno. Chi non si lamenta della crisi e si concentra sulla qualità del proprio lavoro alla lunga potrà dire “Ah sì? Siamo in crisi?”. Web Agency come ABC Interactive servono proprio a questo, a distinguersi dai concorrenti e ad eliminare dal proprio vocabolario tutte quelle parole brutte che stanno riempiendo i giornali in questi giorni. E qui concedetemi un ottimistico smile : )

gaberr