Sul web imperversa la battaglia più famosa (e forse redditizia) mai effettuata. Più famosa dello scontro tra Mike Tyson e Holyfield, più agguerrita della rivalità tra Valentino Rossi e Max Biaggi, più fantasiosa di quella tra Batman e Joker. Si stiamo parlando della battaglia tra Apple e Samsung.

Ormai da mesi imperversa una battaglia all’ultimo colpo e all’ultima causa che come una bufera riempie il web di news più o meno reali che divide gli utenti come solo la religione può fare.  Chi dice che è meglio l’iPhone e che Samsung è una baracca e chi viceversa. Di solito si dice che la verità sta nel mezzo, ma non è questo il caso. La realtà è che come due abitanti di un isola mettessero a confronto una Ferrari con una Lamborghini. Quanto forte potrete andare in quel poco spazio a vostra disposizione? Le minime differenze tra i due dispositivi sono impercettibili. Avere un quadcore più potente di un altro quanto può essere utile nell’utilizzo di angry birds  o nella navigazione sul web. Qualche centesimo di secondo in meno di attesa fa davvero la differenza? Potete notare voi la differenza tra un televisore HD con un televisore FullHd? La risposta è no. Non è fondamentale. Come non è fondamentale qualche megapixel in più nelle foto e in tante altre cose. Il fatto è semplice e triste. Entrambi i dispositivi nelle vostre mani sono sprecati (non vogliatene a male). Ma questo i funboy di una o l’altra casa non sembra proprio volerlo capire e continua a confrontare un parametro del proprio dispositivo preferito con quello più odiato.

E allora perché questa battaglia tra i due colossi? La risposta è solo una: business. I due marchi si stanno dividendo il mercato cercando di far capire che la scelta migliore ricade unicamente su uno dei due dispositivi, escludendo dalla corsa tutti gli altri competitor che sono più o meno allo stesso livello. HTC OneX o Nokia Lumia 800 sono solo due delle vittime di questo confronto all’ultima causa. Un confronto che trasportato su qualsiasi altra situazione ricadrebbe sul grottesco e il ridicolo. Come due uomini che facciano la gara a chi la fa più lunga o come due donne che si squadrano per vedere chi ha le scarpe più belle. La bellezza si sa è soggettiva e la miglior funzionalità inutile se fine a se stesso.

E noi dove stiamo in tutto questo? Noi siamo le vittime. Si perché corrotti dalla pubblicità e dai trend del momento ci convinciamo che la miglior scelta per noi sia quella di scegliere o uno o l’altro dispositivo escludendo dalla nostra wishlist tutti gli altri. Quando avrete soddisfatto i vostri desideri però fermatevi un attimo a pensare: Quanto forte potrete andare con la vostra ferrari su una strada che ha il limite dei 50?