E se avesse ragione padre Amorth? E se avesse ragione lui nel dire che Halloween è una trappola del demonio perché ci distoglie dal festeggiare i nostri Santi? E se avesse ragione lui nel dire che lo yoga è satanico perché avvicina a ideologie orientali che mettono al centro l’uomo e non Dio?

Sarà che tra qualche settimana dovrò interpretare la parte del prete, ma alcune delle affermazioni del noto esorcista mi hanno indotto a pormi la domanda: e se avesse ragione lui?

Ok, sono frasi discutibili e ampiamente derise su internet. Ma nella mia testa, anche solo per qualche istante, è passata l’immagine di un ipotetico demonio che organizza le feste di Halloween e che gode nel vedere che anche i bambini del nostro Paese si divertono più a dire “dolcetto o scherzetto” che ad ascoltare le vicende dei Santi.

Quello che è passato nella mia testa è semplicemente un sentimento di paura.

Il Diavolo fa paura perché non lo si conosce. E se una persona, riconosciuta dalla Chiesa, afferma che c’è qualcosa di satanico in Halloween, nello Yoga, in Harry Potter, nei gay, in Maometto, in Maurizio Crozza e in Mario Monti, io non posso essere assolutamente certo che stia dicendo il falso, perchè parla di Satana, cioè di qualcosa che io non conosco.

Purtroppo siamo di fronte ad una strategia comunicativa da sempre molto diffusa ed efficace: l’appello alla paura. La Chiesa ne ha fatto largo uso in passato per garantirsi la sua sopravvivenza. Invece di fare appello a quel capolavoro di comunicazione che sono i Vangeli, è capitato più volte che uomini di Chiesa abbiano pensato di utilizzare questa tecnica di persuasione per indurre i fedeli a restare dalla loro parte. Quando è scoppiato lo scandalo dei preti pedofili, Padre Amorth è riuscito a sostenere che si trattava di un attacco alla Chiesa da parte di Satana. Quindi se qualcuno attaccava i preti che hanno molestato bambini, si ritrovava lui stesso dalla parte di Satana.

La mia impressione è che fare appello alla paura, strategia comunicativa tanto efficace in passato, ora non funzioni più. Non solo. Mi sembra sia anche una delle cause dell’allontanamento dalla fede da parte di molta gente. Occorre che qualcuno ai piani alti del clero si chieda: la gente non viene più in Chiesa per colpa di Halloween oppure perché continuiamo ad adottare la tecnica di spaventare i fedeli pur di non perderli? La fede dovrebbe essere Amore e Mistero e non paura! Questa errata strategia di comunicazione potrebbe allontanarci dalla fede e in tal caso incidere negativamente sulla nostra vita eterna.

E poi dicono che la comunicazione non conti nulla!

gaberr

P.S. Toccare tematiche religiose è sempre molto delicato, pertanto mi scuso se ho urtato la sensibilità di qualche lettore.