“Humour, sesso e pensiero sono tre cose in cui tutti si sentono esperti.”

Questa frase è  tratta dai “Sei cappelli per pensare” che Edward De Bono ha scritto nel lontano 1985 e si riferisce al fatto che tendiamo ad essere compiaciuti delle nostre capacità di pensiero, non rendendoci conto di quanto esse possano migliorare. Dal 1985 ad oggi molte aziende hanno utilizzato il sistema dei sei cappelli quando ci sono discussioni da affrontare, importanti decisioni da prendere o brainstorming da realizzare. In tali occasioni i partecipanti sono invitati ad indossare a turno tutti i sei cappelli, cioè a vedere la questione sotto sei punti di vista diversi. Lo scopo del sistema è la chiarificazione del pensiero, ottenuta consentendo al pensatore di adottare un modo di pensare per volta.

A cosa serve pensare con i sei cappelli? “La difesa dell’Io, responsabile della maggior parte degli errori che compiamo nel pensare , è il fattore più limitante per la mente. I cappelli ci permettono di pensare e dire cose che pensate o dette senza di essi costituirebbero un pericolo per il nostro Io. Indossare un costume da pagliaccio ci autorizza a fare i pagliacci.

Caratteristica principale del metodo è la facilità di comprensione e di utilizzo. Basta elencare le caratteristiche dei sei cappelli e si dovrebbe capire quasi tutto riguardo al metodo.

Cappello bianco

-quali informazioni abbiamo a disposizione?

-di quali informazioni abbiamo ancora a bisogno?

-cosa possiamo fare per ottenere le informazioni mancanti?

Cappello rosso

-qual è la mia sensazione a pelle sul progetto?

-cosa dice il mio intuito al riguardo?

-questa idea non mi piace.

Cappello nero

-non avete l’esperienza per farlo

-sarà un buco dell’acqua come è stato l’ultima volta

-ci sono troppi rischi.

Cappello giallo

-se seguiamo la vostra idea, avremo molti benefici

-sono convinto che quella persona potrà darci molto

-con la soluzione proposta potremo aumentare la produttività.

Cappello verde

-ci sono altri modi in cui può essere fatto

-a cosa non abbiamo ancora pensato?

-e se cambiassimo completamente prospettiva?

Cappello blu

-qual è la nostra agenda?

-posso avere un riassunto delle idee proposte?

-vi invito a cambiare cappello. Provate con il verde e vediamo se vi viene in mente qualche nuova idea.

Oggi ho fatto teoria. Nel prossimo post passerò alla pratica per cercare di capire se il metodo ha ancora oggi una sua valenza. Nel frattempo perché non provate voi stessi ad applicare il metodo a qualche importante decisione che state per prendere?

gaberr





  • http://blog.abcinteractive.it/?p=4171 Con sei cappelli ho perso la testa | Abc Interactive Blog

    [...] « Humour, sesso e pensiero sono tre cose in cui tutti si sentono esperti Con sei cappelli ho perso la testa 10 dicembre 2012 | Autore gaberr [...]